Istituto Comprensivo Via Adua > Comunicazioni > Comunicazioni della Dirigente ai genitori

Comunicazioni della Dirigente ai genitori

Questa comunicazione ha lo scopo di ricostruire le tappe che hanno portato alla decisione dell’amministrazione comunale di  spostare n. 4 classi quinte… Clicca qui per continuare a leggere… Comunicazioni della Dirigente ai genitori

 

  • Ai genitori dell’IC Adua
  • Atti

 

 

            Oggetto: “Comunicazioni della Dirigente ai genitori”

Questa comunicazione ha lo scopo di ricostruire le tappe che hanno portato alla decisione dell’amministrazione comunale di  spostare n. 4 classi quinte dal plesso Toti al plesso di via De Gasperi.

In questa vicenda la Dirigente scolastica, come d’obbligo e stile comportamentale, ha messo in atto azioni di sua competenza, informando costantemente il Consiglio di Istituto del suo operato che può essere riassunto nel modo seguente:

  • a fronte delle proposte di soluzione del problema avanzate dall’amministrazione comunale, in accordo con il Consiglio di Istituto, la Dirigente ha espresso un parere favorevole all’installazione di moduli temporanei nelle ampie pertinenze del plesso di via Gramsci per ospitare le classi.

          Tale parere non è stato accolto dall’amministrazione, la quale, sulla base di una sua competenza di legge ha disposto il trasferimento temporaneo delle classi nei locali della scuola di via De Gasperi già adibiti ad aule scolastiche, assicurando nel contempo il trasporto degli alunni.

          (D. L.vo n. 297/21994 Art. 85 – Competenze dei comuni e delle province in materia di edilizia scolastica: Il comune esercita in materia di edilizia scolastica i compiti attribuiti dalla legislazione statale e regionale che sono connessi alla istruzione materna, elementare e media … la materia dell’edilizia scolastica nella scuola elementare e media comprende altresì gli oneri per l’arredamento e per le attrezzature.

          Articolo 14, comma 1, lettera i), della legge 8 giugno 1990, n. 142, i comuni provvedono alla realizzazione, alla fornitura e alla manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici di scuola materna elementare e media).

          Sulla base di questa decisione la Dirigente scolastica ha doverosamente organizzato il servizio scolastico per assicurare la fruizione del diritto allo studio agli alunni.

  •  4 genitori hanno presentato ricorso al TAR contro il Comune di Seveso e nei confronti degli istituti comprensivi richiedendo l’immediata sospensione delle attività di trasferimento prima dell’inizio dell’anno scolastico 2019/2020.

L’azione giudiziaria è stata quindi promossa da 4 genitori nei confronti del Comune di Seveso e degli istituti scolastici.  L’appartenenza dei ricorrenti ad organi collegiali previsti dalla legge, quale il Consiglio di Istituto, non determina alcun coinvolgimento né obblighi di tale organo nell’azione legale intrapresa. Non risultano agli atti del Consiglio delibere relative all’assunzione di iniziative giudiziarie ed obblighi connessi che in ogni caso sarebbero state viziate da incompetenza e difetto di legittimazione, quale è un ricorso contro se stessi.

I compiti ed il funzionamento di tale Organo collegiale sono definiti dal D.L.vo 297/94 e dal Regolamento d’Istituto pubblicato sul sito della scuola.

La difesa delle istituzioni scolastiche citate è stata assunta dal MIUR attraverso l’Avvocatura dello Stato che ha richiesto una relazione ai Dirigenti scolastici dei due istituti, pertanto la sottoscritta ha doverosamente inviato tutte le comunicazioni intercorse tra la scuola e l’Amministrazione, atti conosciuti dal Consiglio d’Istituto.

E’ stata la Magistratura Amministrativa a cui si sono rivolti i genitori ad emettere la sentenza di rigetto del ricorso con risarcimento a favore della scuola..

La Dirigente scolastica non può sostituirsi a competenze che spettano ad altre amministrazioni, né tantomeno assumere decisioni in presenza di un ricorso pendente, dell’esistenza del quale è venuta formalmente a conoscenza solo nel momento in cui l’ufficio legale dell’Amministrazione scolastica ha richiesto una relazione.

Ritengo doverosa questa comunicazione a tutti i genitori in presenza di continue “ricostruzioni” non veritiere che sono state diffuse e che contengono  affermazioni false e lesive della persona o del  ruolo istituzionale della Dirigente.

 

 

Il dirigente scolastico
Lara Parravicini
(Firma autografa omessa ai sensi dell’art. 3 del D. Lgs. n. 39/1993)